Brunch di Capodanno 2015 …e la mia marmellata di LIMONI

E’ tradizione  a casa mia fare il brunch di Capodanno…ci svegliamo tardi e ancora assonnati … prendiamo un caffè…giorni fa a Firenze mio marito ha acquistato  delle tazzine da degustazione  ed inutile dirlo ci fa più gusto…poi partiamo con spremuta fresca di arance Bio…quest’anno sono riuscita ad avere le Arance di Ribera Dop (con tanto di certificazione) dall’ Azienda Mi Coltivo  ..

Lo so sono una fanatica ..ma già il fatto di sapere che sono certificate e con la buccia opaca e profumata mi donano una soddisfazione infinita!!!

OK 1

In questa mattina di inizio d’anno non possono mancare candele e fiori…lo trovo di buon augurio…

E ovviamente della musica classica in sottofondo…spesso ascoltiamo il Concerto di Capodanno di Vienna…

OK 2

Il brunch consiste in leccornie sfiziose salate e dolci…mio marito predilige le uova con bacon …io l’ uovo alla coque (con le uova dei 100 orti di gallina livornese assolutamente bianche e perfette)…pecorino della nostra zona…salmone con pane nero alle noci e creme fraiche con erba cipollina…

Formaggio di capra al miele piccante…mini quiche di formaggio di capra fresco e aneto…

OK 3

fette biscottate della mia pasticceria bio preferita che oramai conoscete tutte voi ….

OK 4

A Natale acquisto anche dei piccoli pandori e panettoni da poter gustare nei vari ritrovi goderecci.
Caldi appena usciti dal forno con creme semplici a base di panna o mascarpone….risultano dei jolly nelle varie occasioni delle festività…di solito li servo già tagliati su delle alzatine con tanto zucchero vanigliato e la crema di accompagnamento la servo in piccole ciotoline da mettere nel piatto con la fetta calda…

Nel mio brunch di Capodanno proprio non possono mancare le marmellate.

Lo scorso anno avevo fatto quella di arance : UN SUCCESSONE!!!

Così questo Natale 2014 mi son lanciata con la MARMELLATA DI LIMONI…da regalare a parenti ed amici

ok 14 bis

Esperimento riuscito perfettamente devo proprio ammetterlo….ovviamente dovete procurarvi dei limoni assolutamente BIOLOGICI è impossibile farla con limoni non certificati…

Le marmellate di agrumi richiedono un pò di pazienza…e un procedimento da seguire religiosamente…ma il risultato paga ampiamente del tempo dedicato alla loro preparazione…

ok 12

Ingredienti

Per un Kg di limoni 750 gr di zucchero

Procedimento

Dopo aver lavato i limoni, affettateli sottilmente, privateli dei semi ma non sbucciateli.

Versate i limoni così preparati in una zuppiera, aggiungete acqua fredda sino a ricoprirli e lasciateli riposare per un giorno intero.

Scolateli, poneteli in una casseruola capiente (non di alluminio) e lessateli, dopo avervi aggiunto 4 bicchieri di acqua fredda.

A cottura ultimata, quando cioè la buccia degli agrumi sarà diventata tenera, sgocciolateli e permettete  alla frutta di raffreddare.

Preparate intanto uno sciroppo bollendo lo zucchero in 250gr di acqua , introducetevi poi le fettine di limone e , a fiamma bassissima, portate a cottura la marmellata. Anche in questo caso è preferibile invasare a caldo, tappare ermeticamente e conservare il prodotto in luogo fresco, asciutto e buio.

ok 13

Il profumo è la sensazione immediata che colpisce appena ho aperto il barattolo….la consistenza e il gusto sono davvero ottimi…e poi quelle fettine di limone quasi candite sono deliziose sulla fetta biscottata …un piacere e una coccola di primo mattino…che mette di buon umore…

BUON 2015…

A chi ama dormire ma si sveglia sempre di buon umore,
a chi saluta ancora con un bacio,
a chi lavora molto e si diverte di più,
a chi ha l’entusiasmo di un bambino e i pensieri di un uomo,
a chi va in fretta in auto ma non suona ai semafori,
a chi arriva in ritardo ma non cerca scuse,
a chi spegne la televisione per fare due chiacchiere,
a chi è felice il doppio quando fa la metà,
a chi si alza presto per aiutare un amico,
a chi vede nero solo quando è buio,
a chi non aspetta Capodanno per essere migliore…

Tanti cari auguri

 

Vellutata di finocchi con salmone selvaggio e aneto

Questa ricetta ha un nome per me…un volto…un’immagine … questa ricetta per me è Cristiana…

Cristiana è una donna dai tratti nordici…carnagione di latte…occhi verdi e grandi truccati con cura e maestria…sotto degli occhiali delicatamente colorati…alta…cammina con passo lento ma sicuro…ha mille interessi… abbiamo tante cose in comune… il piacere della buona cucina…lo stare perennemente a dieta…(o almeno provarci per non sentirci in colpa)…i viaggi…i figli che crescono…la voglia di scrutarci  dentro… credere nell’energia positiva…quando ci troviamo per un caffè…le parole sgorgano come un fiume in piena….mille news…mille aggiornamenti…miliardi di input per corsi o ricorsi che spesso non seguiremo mai….ma ci riaggiorniamo sempre…magari una volta sarà quella buona…chissà…

crema 4

I figli crescono e le congiunzioni della vita cambiano…

quando erano più piccoli c’erano le occasioni canoniche…i sabato sera che ci ritrovavamo tutti assime…

il tavolo dei bambini…il tavolo nostro…le camere dove loro giocavano…il salotto con la televisione per i cartoni…noi che chiaccheravamo davanti ad una fetta di torta…o una tazza fumante di caffè…la bomba del Bruni…la birra artigianale di Sergio…i sott’olii miei…il limoncello della zia di Cristiana…il vin Santo della zona regalato dal collega…

i ritrovi per Halloween..sempre a casa di Cristiana…con la sua casa nel pieno centro storico…adatta a dolcetto o scherzetto…adatta ai primi sentori di libertà…dove i più grandi portavano i più piccoli e se ne prendevano cura…

le partite dell’Inter..le merende-cena…periodi che passano..periodi vissuti intensamente…i figli che crescono e tutto muta assieme a loro…


crema 2

Questa ricetta è una delle tante che Cristiana mi ha regalato…tratta da un’idea di un noto ristorante della lucchesia…dove viene servita per antipasto….

aggiungendoci del salmone oltre la dose e con del pane abbrutolito caldo integrale… io la uso come piatto unico… nelle sere d’inverno quando torno tardi dal lavoro e ho bisogno di qualcosa di pronto e confortante e caldo … è la soluzione perfetta!!!

_DSC0171

crema 6

E’ di semplice esecuzione e anche veloce…ovviamente se la uso per una cena con degli ospiti la cucino  usando sia il burro che l’olio…..se la cucino per me ….ci aggiungo soltanto dell’olio a crudo …viene ottima ugualmente e con calorie più contenute….

crema 7

Ingredienti per due persone:

due finocchi medi

fleur de sal

salmone affumicato (io spesso uso quello selvaggio) 50 gr

aneto

burro salato

pepe rosa in grani (oppure del pepe nero appena macinato)

olio nuovo

Procedimento:

Lessare in poca acqua e sale i finocchi. Frullarli e renderli una crema morbida. Aggiungere una noce di burro salato e un goccio di olio . Spezzettare il salmone. Mettere la crema nelle ciotoline e aggiungere il salmone ridotto a pezzettini, il pepe , un filino di olio e dell’aneto fresco.

crema 10

Facilissima e di grande effetto…

provatela e ditemi se l’avete trovata anche voi una coccola calda in queste sere d’inverno…

Con questa ricetta partecipo al contest Comfort food di La cucina delle streghe