Il farro della Garfagnana per #SEGUILESTAGIONI DI AGOSTO…

Il farro è probabilmente la più antica varietà di cereali coltivata. Per secoli ha rappresentato l’alimentazione base degli antichi romani ed è oggi largamente presente nella cucina toscana per la sua versatilità, il suo basso apporto calorico e il suo gusto delicato.

 

8

Immagine dal web

 

La tavola toscana in Agosto si veste di leggerezza e colore, cotture brevi come la grigliata di carne o pesce, piatti freddi e preparazioni crude a base di carpacci.

Per questo piatto freddo ho utilizzato del farro in chicchi coltivato in Garfagnana. Purtroppo avevano già fatto la trebbiatura e non son potuta andare sul posto per fotografare le spighe mature, quindi  le immagini sono prese dal web

 

38

 

Il farro era coltivato nelle zone montuose non troppo elevate della Garfagnana; se ne produceva una discreta quantità, dalle parti di San Romano e Vagli, e veniva anche esportato in vari luoghi della Toscana. Il vero piatto tipico della lucchesia è il farro garfagnino, zuppa tipicamente invernale.

1

 

Per il mio piatto freddo ho semplicemente bollito il farro e poi una volta freddatosi l’ho condito con cipolla di Certaldo , fagioli borlotti acquistati direttamente dal contadino, dei filetti di tonno e olio extravergine toscano.

 

2

 

Farro freddo con tonno, borlotti e cipolla di Certaldo

 

Come si prepara il farro

Per prima cosa lavate il farro sotto acqua corrente, per eliminare tutte le impurità. Se utilizzate il farro decorticato ricordatevi di lasciarlo in ammollo la sera prima, per quello perlato invece non occorre ammollo. Il farro si consuma lessato, in abbondante acqua salata: quello decorticato cuoce in circa un’ora, quello perlato o semi perlato in 30 minuti. Si deve sempre considerare il doppio dell’acqua rispetto al cereale. Giunto a cottura lasciatelo riposare dieci minuti perché assorba tutta l’acqua prima di condirlo.

 

INGREDIENTI per 4 persone:

farro 200 g.

1 cipolla di Certaldo fresca

4 filetti di tonno sott’olio

100gr di borlotti sgranati freschi

salvia, aglio, basilico

olio evo, aceto balsamico, sale q.b.

olive toscane

pomodori piccoli (scegliete la specie che trovate dal contadino in questo periodo)

5

 

Procedimento

Lessate il farro in acqua bollente salata per 20′ circa. Scolatelo, allargatelo su un vassoio, ungetelo leggermente di olio, sgranatelo con i rebbi della forchetta e lasciatelo raffreddare

3

Lessate i fagioli in abbondante acqua, aggiungendo aglio, salvia e sale. Scolateli e lasciate raffreddare.

Assemblate il piatto. Condite il farro con un’emulsione di olio evo ed aceto balsamico. Aggiungete i fagioli conditi con olio , sale e pepe. Affettate sottilmente la cipolla. Aggiungete il tonno, le olive, delle foglie piccoline di basilico ed i pomodorini.

Condite con olio buono, ed il gioco  fatto!

 

4

Per questa foto ho seguito l’idea della fotografa Ursula Alter

 

LISTA DELLA SPESA SEGUILESTAGIONI di AGOSTO

38177008_849632531906608_3629650018304000000_n

 

 

Tutti i nostri post li trovate sulla nostra pagina facebook SEGUILESTAGIONI

 

Fonti utilizzate:

I mangiari di una volta in Garfagnana, Maria Pacini Fazzi editore

La toscana di Ruffino, ed. Cucchiaio d’Argento

https://www.lacucinaitaliana.it/

 

 

 

4 commenti su “Il farro della Garfagnana per #SEGUILESTAGIONI DI AGOSTO…

  1. Simo ha detto:

    …..che bel piatto fresco e perfetto per l’estate!
    un abbraccio cara

  2. zia Consu ha detto:

    Il farro della Garfagnana è una delle prelibatezze della nostra bella Toscana a cui non so proprio rinunciare! Il condimento che hai scelto è davvero top e lo esalta al meglio! Complimenti!
    ps: troppo simpatiche le foto 🙂

  3. Monica ha detto:

    Amo la tua Toscana, ho un debole per tutto ciò che rappresenta la tua regione da quando da ragazzina passavo le mie vacanze a Torre Mozza (vicino a Follonica)…che meravigliosi ricordi!!!
    Uso poco il farro e solo come farina, mi hai incuriosito molto, lo devo provare!!!! Mi hai regalato un’ottima idea!!! Un abbraccio
    Moni

  4. Miria Onesta ha detto:

    adoro il farro, ed anche qui c’è una buona produzione, proverò sicuramente la tua ricetta.
    A presto
    Miria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...